Logo Piero Viganego

 

Rapporto Ordinario di Lavoro

registro_de_jornada.jpg

Spagna. Nuovo Registro di giornata lavorativa "Registro de Jornada"

Lo scopo del Registro é quello di controllare la durata effettiva del lavoro dipendente e la realizzazione di ore straordinarie.

La giornata normale é di 40 ore settimanali di promedio in conteggio annuale. Questo significa che si possono legalmente fare più di 8 ore al giorno per diversi motivi:

  • Distribuzione irregolare del tempo di lavoro (giornate di più di 8 ore compensate con giornate di meno ore) in un arco temporale.
  • Borsa di ore (prevista in diversi contratti collettivi).
  • Compensazione di eccesso di ore con ore di riposo da usufruire in un arco temporale.
  • Compensazione economica per eventuali ore in eccesso (viaggi, fiere, ecc.).
  • Ore straordinarie (normalmente devono autorizzarsi dalla Direzione).

Questo significa che in certi casi si considerano ore straordinarie tempo che non é tale.

Approfittando dell’obbligo di istaurare il registro orario consigliamo di prendere le seguenti misure:

  • Cercare un programma di controllo di presenza. É consigliabile che offra la prestazione di geolocalizzazione per i venditori o persone che svolgano interventi tecnici continui fuori dallo stabilimento.
  • Stabilire l’obbligo dei dipendenti di indicare nel registro orario i lavori concreti svolti nella giornata per giustificare le ore.
  • Istaurare l’obbligo di indicare i motivi concreti che hanno portato al dipendente a rimanere più di 8 ore nel posto di lavoro e i motivi per i quali non hanno potuto rimandare tale lavoro al giorno successivo.
  • Stabilire un’equilibrio ragionevole tra ore compensabili con riposo e ore straordinarie retribuibili poiché a volte sarà conveniente riconoscere alcune ore come vere e proprie ore straordinarie. In generale, le ore straordinarie saranno quelle che in conteggio annuo superino il limite di ore previste nel Contratto Collettivo.
  • Nel caso in cui l’Azienda deva riconoscere aumenti di retribuzioni, istaurare bonus o similari, approfittare per dedicare parte di tali importi a creare un “compenso per eventuali ore straordinarie” grazie al quale l’Azienda potrà richiedere di allungare la giornata in certi periodi e compensare l’eccesso con quella retribuzione. Questo patto non solleva al dipendente di registrare le ore ma si considera che il compenso va a retribuire eventuali eccessi “ragionevoli” di tempo lavorativo. Il limite é la situazione di abuso.

Non potranno farsi più di 80 ore straordinarie all’anno, limite che non va riferito a ciascuno dei dipendenti individualmente considerato ma al totale ruolo di dipendenti.

La gestione del Registro orario richiederà un controllo periodico delle ore lavorate, tempo di riposo per compensare eccessi di giornata, ore straordinarie. L’Azienda dovrà dedicare risorse a questo controllo.

Sentenza del Tribunal Supremo: L'azienda può non considerare la “pausa panino” come lavoro effettivo

Il Tribunal Supremo ha segnalato in questa Sentenza che il fatto che un'azienda “tollerasse” la nota “pausa panino” nei calendari lavorativi in un orario determinato non implica che sia una condizione favorevole consolidata e quindi non considerare più tale pausa come “lavoro effettivo” non presuppone una modifica sostanziale delle condizioni di lavoro.

L'argomento della nostra Corte Suprema consiste nel fatto che l'azienda può, unilateralmente e in mancanza di un accordo con i sindacati, quando ci fossero, realizzare un adattamento della distribuzione della giornata annuale, affinché si svolgano le ore di lavoro contenute nel contratto collettivo

Nel caso trattato dal Tribunal Supremo, l'eliminazione della “pausa panino” implicava che i dipendenti avrebbero lavorato 6,75 ore in più rispetto a quelle previste nel contatto

La soluzione che propose l'azienda fu che ogni dipendente potesse prendersi queste ore libere quando lo giudicasse conveniente, previa comunicazione e accettazione dell'azienda.

La decisione dell'azienda, che non è stata accolta in primo grado, è stata successivamente appoggiata dal Tribunal Supremo.

 

Avvocati e Consulenti aziendali

Studio di Avvocati e Commercialisti situato in Madrid e Barcellona (Spagna)

©1992-2019 Bufete Piero Viganego S.L.P.
Piero Viganego Madrid Spagna
C/ Claudio Coello 113, 1º
28006
Madrid
Spagna
Piero Viganego Barcellona Spagna
C/ Tuset 10 1º 1ª
08006
Barcellona
Catalogna
Spagna

 

Abbonamento a Scambia informazioni