Logo Piero Viganego

 

Compravendita

 

Ley 7/2017, del 2 novembre, che recepisce la Direttiva 2013/11/UE del 21 de mayo 2013, relativa alla soluzione alternativa di controversie in materia de consumo.

La Direttiva indicata, che é di armonizzazione minima, rende obligatorio per gli Stati Membri garantire ai consumatori residente nell’Unione la possibilità di risolvere i loro litigi con aziende stabilite in qualunque Stato Membro attraverso l’intervento di enti di soluzione alternativa di controversia che siano indipendenti, imparziali, trasparenti, effettive, veloci e giuste.

Restano fuori dell’ambito di questa legge le controversia tra imprenditori (aziende), le trattative dirette tra azienda e consumatore, le procedure di soluzione alternativa iniziati o gestiti dalle proprie aziende, cosí come le procedure di mediazione eseguite all’interno di una procedura giudiziale.

Per il settore finanziario continueranno a essere vigenti i sistemi attuali ma si richiede dal Governo la creazione di un Ente único per la soluzione delle controversie di consumo nell’ambito finanziario. Esiste anche un regime speciale nell’ambito del trasporto aereo.

La legge commentata stabilisce per tutte le aziende l’obbligo di informare sull’esistenza di enti omologati di soluzione alternativa di controversie. Quest’obbligo, che costituisce una novità importante, si impone a tutte le aziende, siano aderiti o meno a enti di soluzione alternativa di controversie, considerandosi l’omissione come un’infrazione in materia di protezione dei consumatori.

Le aziende che operino in Internet, piattaforme di comercio elettronico e mercati nella rete,  dovranno includere sui loro siti un link che permetta un acceso identificabile e facile alla pittaforma di risoluzione di controversia in linea dell’Unión Europea alla quale fa riferimento  il Regolamento (UE) n. 524/2013, del 21 maggio 2013.

 

Le problematiche più frequenti che stiamo affrontando in sede di compravendita internazionale tra aziende (B2B) sono queste:

 

1.    Denuncia di difetti, normalmente pretestuosa.

2.    Prescrizione di azioni.

3.    Consegne fuori termine.

4.     Danni provenienti dalla merce venduta.

La Spagna ha ratificato la Convenzione di Vienna sulla compravendita internazionale di merci e progressivamente i Tribunali si stanno abituando all’applicazione di questa normativa, che alcuni anni fa tentavano di evitare.